Parole simili in Lingue diverse – Officina delle Lingue
il mondo delle lingue

Parole simili in Lingue diverse

Scritto da on 15 Marzo 2016

Vi siete mai chiesti come mai un oggetto si chiama proprio così?

Ecco questa si chiama Etimologia, ovvero l’origine delle parole, da dove esse vengono, come si creano e perché.

Nelle lingue europee troviamo molte differenze ma anche notevoli somiglianze.

Semplificando molto potremmo suddividere le lingue in due grandi gruppi: Indoeuropee, le quali comprendono le maggiori lingue europee (Italiano, Francese, Spagnolo, Inglese, Tedesco) e le Ungaro-Finniche, che comprendono solo l’Ungherese e il Finlandese. In particolare poi vediamo le Romanze (Italiano, Francese, Spagnolo, Rumeno, Latino) e le Anglosassoni (Inglese, Tedesco, Olandese).

Di seguito mostriamo il caso di alcune parole raffigurate nelle cartine, grazie alle quali possiamo analizzare in modo facile e divertente la loro origine e somiglianza tra i vari paesi linguistici e, perché no, imparare qualche parola nuova in diverse lingue straniere!

  1. MELA

Mappa mela

La prima cartina mostra la parola MELA. Nella maggior parte dei paesi, indicati con il color rosa, trae la sua origine dal termine “h2ébl” o “h2ebol” del PIE, ovvero la  lingua Protoindoeuropea o anche conosciuta come Indoeuropeo. Il colore verde indica una derivazione dal latino “poma”, plurale di pomum ovvero “frutta”. Infine nei paesi raffigurati in arancione,  trae la sua origine dal termine antico greco “μηλον” indicante “albero” o “frutto”.

2. BIRRA

mappa birraLa seconda cartina mostra la parola BIRRA. Il colore rosa, che rappresenta la maggioranza, spiega l’orgine dal PIE “bhews” o “bews” ovvero il birraio. Il colore giallo dal termine PIE “h2elu” ovvero amaro. Il colore verde dal termine PIE “peh” dal verbo “bere”. Infine la parte in arancione deriva dal PIE “kh2erh2”, che include parole come mischiare, cuocere e festa.

3. CHIESA

mappa chiesa

La terza ed ultima cartina mostra la parole CHIESA. La parte di colore verde mostra un’origine tratta dall’antico greco “ecclesia” ovvero “congregazione, assemblea”.  La parte in rosa indica sempre un legame con l’antico greco, ma dalla parola “kyriakon” ovvero “la casa del Signore”. La parte in azzurro mostra invece un’origine dal latino “templum” ovvero “tempio”. Infine la parte di colore giallo dal tardo latino “castellum” ovvero “forte”.

TAG